Crea sito

AGAR

 ESCAPE='HTML'

VERSIONE in LINGUA ITALIANA

 ESCAPE='HTML'

VERSIONE in  LINGUA INGLESE

Brano tratto dal libro


.................
Due mesi dopo misi al mondo la mia creatura.
Era un maschio e gli fu dato il nome di Ismaele, che significa: "Il Signore ha esaudito", proprio come il mio amatissimo Amosis mi aveva predetto la notte in cui avevo lasciato Tebe.
Fu tutto come un sogno: il sorriso di Abramo, i doni di Sarai, il mio pianto di gioia. E poi, il ventre vuoto, il seno gonfio, il cuore triste.
Nella profonda tristezza che nasceva da un dolore nuovo e nel rimpianto che veniva dalla rinuncia, scoprii la solitudine alimentata dal rancore.
Partorii sulle ginocchia di Sarai; lei stessa aveva reciso il cordone ombelicale e per questo mio figlio le spettava di diritto: erano le consuetudini.
Di tutte le consuetudini che Abramo aveva spezzato, di quelle portate dalla Terra di Nahor, quella che permetteva ad una donna di portar via il figlio a un'altra donna, continuava a resistere.
A Tebe no! A nessuna madre sarebbe accaduto mai.
Hathor l'avrebbe impedito!
Sarai reclamò il suo diritto di Grande Madre del popolo di Jhwh. La guardavo, mentre recideva il cordone che ancora legava mio figlio alla mia carne. Era di nuovo bella; quasi come mi era apparsa nel giardino del principe Abimelech, ma più radiosa. I simboli della dignità matriarcale, trionfavano sul suo petto e sulla fronte. Il volto, felice ed appagato, era il volto di una donna diventata madre.
"Il mio bambino.- disse tendendo le braccia verso mio figlio - Guarda il mio bambino, Agar, sorella mia."
"Non chiamarmi Agar. – proruppi - Non chiamatemi mai più Agar, che vuol dire Gioia..Chiamatemi Mara:… perché gonfio di  amarezza è il mio cuore…"
Lei mi fece una carezza e si allontanò col frutto del mio grembo ed io mi sentii il più spoglio degli arbusti e il più solitario dei loti. Le facce mute della gente, il deserto grigio, il cielo, il silenzio, il vagito del mio bimbo che si faceva sempre più lontano, parevano attendere le mie grida di dolore.
Nelle notti che seguirono, la clessidra accanto alla stuoia chioccolava lenta e ogni goccia mi teneva sveglia e teneva sveglia la mia pena alimentata dal dolore. Un dolore nuovo; diverso da ogni altro dolore patito prima. Diverso da quello per i bimbi della fornace del Santuario di Hathor; diverso da quello per la morte di Amosis e di Merit; diverso anche da quello per la perdita di Hiram: era il dolore che tiene vivo il mondo!
Cosa è il Nilo, se non le lacrime di dolore di Iside per lo smembramento del corpo di Osiride? Non è, forse, una vena aperta sul corpo di Hapy? Anche il mio corpo e il mio spirito sanguinavano come il Nilo.
Il dolore, sprofondato nel rancore, mi aggredì lo spirito come un insetto attacca le radici delle piante nella stagione secca: non sentivo più il canto degli uccelli e le tende del campo mi parevano vele alla deriva.


Ne fui atterrita. Conoscevo la devastazione di quel sentimento. Gli oscuri fantasmi, generati in me dagli Dei di Ugarit, di Gerar e perfino dal Dio di Abramo, insidiavano ancora la parte più profonda del mio spirito, ma io decisi di deporre rancori e atteggiamenti di ribellione.
Fu per questo, forse, che Sarai mi concesse di allattare il mio bambino. E mentre porgevo il seno al mio piccolo, che mi trafiggeva il cuore col suo sguardo innocente, mi domandavo se ero proprio io quella donna sottomessa.
Dov’era andata a nascondersi la principessa di Tebe che seguiva il volo degli ibis sognando di volare un giorno con loro?
Ma non c'erano ibis nel cielo di Mambre, solo civette e corvi!
(continua)

brano tratto da    "A G A R"   di Maria Pace
su AMAZON

http://www.amazon.com/Agar-Italian-Maria-Pace/dp/1511520973/ref=la_B00LB5OTB4_1_2?s=books&ie=UTF8&qid=1431788442&sr=1-2

tradotto in lingua inglese e lanciato sul mercato di Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna da
Editrice   AMERICA STAR BOOKS
oppure AUTOGRAFATO e con DEDICA direttamente presso l'autrice
[email protected]